settembre

LA SALUTE DEL MARE NOSTRUM.

LA SALUTE DEL MARE NOSTRUM.

mese

Monitorare, campionare e studiare le praterie di Posidonia oceanica che pavimentano i fondali

Una squadra del Nucleo Carabinieri Subacquei di Cagliari è in azione nei parchi marini de La Maddalena e dell’Asinara. Cercano una pianta sottomarina, una pianta, non un’alga, che è di capitale importanza per la vita del Mar Mediterraneo e per la salute delle nostre spiagge, la Posidonia oceanica.
Se si vuole tenere sotto controllo lo stato di salute dei nostri mari, c’è un modo sicuro e rapido di farlo: monitorare, campionare e studiare le praterie di Posidonia, che ne pavimentano i fondali. In passato le praterie di Posidonia erano più estese e accompagnavano quasi tutti i pendii costieri sottomarini della penisola, ma poi inquinamenti di varia natura e, soprattutto, l’ancoraggio selvaggio e la pesca incontrollata le hanno intaccate e fatte arretrare. Dove c’è la Posidonia il mare è ossigenato correttamente, la biodiversità esplode, le alghe esotiche infestanti (come la Caulerpa) non attaccano e le spiagge reggono meglio all’erosione.
L’Arma dei Carabinieri ha uomini e mezzi dedicati al monitoraggio dei mari e partecipa ai programmi di conservazione del Mediterraneo, anche attraverso gli studi delle praterie di Posidonia, grazie ai quali è stata acquisita una nutrita documantazione videofotografica per verificarne lo stato di salute.
I numerosi campioni biologici raccolti, conservati in freezer e successivamente analizzati in laboratorio per quantificare la percentuale di depositi di carbonio organico, hanno costituito materiale importante per i ricercatori. Sono state utilizzate altresì tecniche di fotogrammetria subacquea per lo studio morfologico, mediante acquisizioni video che, successivamente, sono state rielaborate tramite specifico software, al fine di ottenere delle immagini in 3D con relative misurazioni di alcune porzioni di prateria. Un lavoro cruciale per provvedere, in futuro, alla ricostituzione di elementi fondamentali per la salute del Mediterraneo.

MENU