novembre

IL FIUME PIÙ INQUINATO D’EUROPA.

IL FIUME PIÙ INQUINATO D’EUROPA.

mese

Se i fiumi sono puliti, il mare è più pulito e tutti i cittadini vivono con maggiore benessere

Una volta il fiume Sarno, adorato come una divinità perché generava vita, era un corso d’acqua breve e trasparente, navigabile e pescoso, che scorreva baldanzoso all’ombra lontana del Vesuvio: ora, purtroppo, le cose sono cambiate!
I Carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica di Napoli e della Compagnia di Napoli – Stella si sono trovati più volte a intervenire per le ipotesi di reato di inquinamento ambientale del Sarno e dei suoi affluenti, di scarico abusivo di acque dopo l’utilizzazione industriale e di reiterata violazione di sigilli. Sono le tipiche condotte che i criminali locali pongono in essere contro l’ambiente, continuando a deturpare il fiume, ormai tristemente famoso come il più inquinato d’Europa, che ha visto scorrere nelle proprie acque non soltanto i reflui delle concerie di pellame, ma ogni tipo di rifiuto, fino alle carcasse di bufalo maschio, che si impigliavano nelle grate metalliche della foce del Sarno stesso. Le attività di controllo si sono inserite nell’ambito di una più ampia e imponente attività d’indagine, denominata “Rinascita Sarno”.
Ma ci sono anche tutti gli altri fiumi e laghi italiani che beneficiano dell’intervento a loro tutela dei Carabinieri: in particolare, tutti gli ecosistemi d’acqua dolce (e non solo) sono soggetti ai controlli sugli scarichi, sui prelievi indiscriminati delle stesse acque, sullo smaltimento irregolare degli inerti e sull’abusivismo lungo le loro rive. L’inquinamento chimico delle acque dolci è uno dei mali più gravi: minaccia la biodiversità, impedisce di utilizzare l’acqua per gli scopi umani e rende i fiumi simili a discariche tossiche e nocive, profluvio di morte e desertificazione. A questo si aggiunge l’inquinamento biologico, quello dei liquami delle fognature, contro il quale l’Arma dei Carabinieri si batte quotidianamente, controllando e verificando l’efficace funzionamento dei depuratori e il corretto smaltimento dei fanghi residui. Se i fiumi sono puliti, il mare è più pulito e tutti i cittadini vivono con maggiore benessere.

MENU