dicembre

ADOTTARE PER LA VITA.

ADOTTARE PER LA VITA.

mese

Il lavoro può esser fatto anche di grazia, tenerezza e rispetto per la vita.

Chi abbandona esseri viventi non ha diritto di cittadinanza nella società odierna. Questo sembra raccontarci la storia, per fortuna a lieto fine, di una cucciola di pastore abruzzese e dell’Arma dei Carabinieri che veglia su tutto il territorio nazionale affinché queste situazioni non si verifichino.
Nel 2021 una chiamata alla Centrale Operativa del Comando Compagnia Carabinieri di Sulmona segnalava la presenza di una cucciola abbandonata sulla Maiella, a quota 1200 metri, in evidente difficoltà. La pattuglia in servizio, prontamente accorsa, la individuava, malnutrita, spaventata e inavvicinabile per evidente timore dell’uomo. Ci sono volute otto settimane perché i Carabinieri riconquistassero la fiducia della cagnetta, prima costruendole un riparo e poi tenendola sotto osservazione e proteggendola dal freddo e dagli altri animali selvatici.
Ogni giorno i militari dei Comandi Stazione Carabinieri “Parco” di Pacentro e di Campo di Giove raggiungevano la località montana per assicurarle del cibo, che la cucciola mangiava però solo quando i Carabinieri si allontanavano. Ci sono volute tante piccole conquiste: con grandissima pazienza e incrollabile dedizione i Carabinieri hanno fatto sì che la cucciola mangiasse, riacquistando gradualmente la fiducia nell’uomo.
Un Appuntato ha poi deciso di portare con sé il proprio cane ed è stata la svolta: la cucciola, nel vedere una figura umana verso cui aveva abbassato il livello della sua diffidenza accompagnata da un vero e proprio “mediatore culturale”, ha ulteriormente attenuato le difese, riscoprendo la propensione al gioco e alla socialità. Dopo quasi un anno, Germana (così era stata ribattezzata) si è lasciata avvicinare e la sua storia si è felicemente conclusa con l’adozione da parte dell’Appuntato stesso. Oggi Germana esce in passeggiata con gli altri cani del militare e la sua storia insegna come il lavoro possa esser fatto anche di grazia, tenerezza e rispetto per la vita. L’Arma dei Carabinieri, condividendo pienamente il solco tracciato con la recente modifica dell’articolo 9 della Costituzione, continua a profondere tutte le sue migliori risorse per garantire la tutela anche degli animali.

MENU