agosto

RESPINGERE L’AGGRESSIONE DEI LAGHI.

RESPINGERE L’AGGRESSIONE DEI LAGHI.

mese

Sono ancora frequenti le discariche abusive, perfino sott’acqua

Riciclare e recuperare rifiuti permette di consumare minori quantità di combustibile e di produrre meno inquinamento.
Nel caso dei metalli, del vetro o della carta, si risparmiano anche materie prime, esattamente come si faceva nella Roma imperiale, dove agivano gli scrutarii, i cercatori di materiali ancora utili, dal piombo al ferro, non trascurando vetri e ceramiche, che venivano addirittura raccolti a domicilio. Ma non tutti i sapiens sembrano aver compreso che i rifiuti debbono essere correttamente smaltiti e sono ancora insopportabilmente frequenti le discariche abusive, perfino sott’acqua.
I militari dei Nuclei Carabinieri Subacquei, coadiuvati da quelli del Servizio Aeronavale dell’Arma, compiono sistematiche ricerche e monitoraggi delle acque marine e lacustri alla ricerca di discariche abusive. A seguito di tali attività, nel lago d’Iseo, nello specchio acqueo compreso tra i centri abitati di Predore e Tavernola Bergamasca, i subacquei del Centro Carabinieri di Genova, in collaborazione con i militari del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Bergamo e con il personale dell’Agenzia Regionale di Protezione dell’Ambiente della Lombardia, ne hanno individuata una. La tecnologia è venuta in soccorso con l’impiego del veicolo subacqueo filoguidato “Pluto”, che ha consentito di individuare carcasse di automobili ed accumuli di scarti di lavorazione della gomma, qualcosa che in acqua non dovrebbe proprio finire.
Quanto può durare uno di questi oggetti prima di scomparire? In acqua un torsolo di mela si deteriora in un paio di mesi, un quotidiano o una rivista può durare quasi un mese e mezzo, una lattina di alluminio resiste per uno o due secoli, mentre una sigaretta può reggere circa un anno. Niente rispetto a una bottiglia di plastica o a un pneumatico, che durano mezzo millennio in acqua. Gli operatori subacquei dell’Arma dei Carabinieri hanno infine proceduto al campionamento delle acque per la verifica del grado di inquinamento delle stesse, contribuendo così anche alle conoscenze scientifiche, oltre che al ripristino della legalità.

MENU